MARKLIN MARKLIN MARKLIN METAL - 1101 portavalori-OVP 3b8ead

MARKLIN MARKLIN MARKLIN METAL - 1101 portavalori-OVP 3b8eadMARKLIN MARKLIN MARKLIN METAL - 1101 portavalori-OVP 3b8eadMARKLIN MARKLIN MARKLIN METAL - 1101 portavalori-OVP 3b8eadMARKLIN MARKLIN MARKLIN METAL - 1101 portavalori-OVP 3b8eadMARKLIN MARKLIN MARKLIN METAL - 1101 portavalori-OVP 3b8ead
+ Tel./Fax 0932 751273 - Aziendale 345 2284337
L’incontro che cura

MATCHBOX RW 36c OPEL DIPLOMAT ORO METALLIZZATO cominciarono un GRIGIO MOTORE PERFETTO IN BOX,

Un libro consustanziale – ha detto Antonio Sichera, docente di letteratura italiana nell’Università di Catania, presentando il libro di fra Gaetano La Speme “L’incontro che cura. Gesù, noi, gli ultimi”, delle edizioni Il Pozzo di

‘La chiave d’oro. Una fiaba per bambini e per adulti’. Il video integrale

Auto World Miniatura Auto Plymouth Fury Christine Dirty versione 1958 Scala 1 ,

MARKLIN MARKLIN MARKLIN METAL - 1101 portavalori-OVP 3b8ead

Minichamps 180716920 - Porsche 917/20 – Kauhsen / Van Lennep – 3H Le Mans 1971 L,DCP 31192 Autumn Transport Kenworth W900 w/East End Dump Trailer 1:64,Plymouth Fury Cabrio, nero, 1:43, NEO,SCANIA R Topline semi BOX TRAILER Anna Fleurs WSI models WSI 01-1245,Trabant p50 1959 Bos models 1:18 bos035 Model1/43 Tecnomodel T-EX02A Porsche Carrera GT 2004 Fayence giallo Miniwerks,A.s.s Wiking età CAMION MB 312 SMART EXPORT 1970 GK 540a/2 CS 662/1 Liliput 20003Minichamps 1/18 scale 155 811114-AUDI QUATTRO WINNER RALLY SANREMO'81,Brooklin BRK 141A - 1937 Lincoln Model K 7- Passenger Saloon - Made in England,81pc 2000 First Editions Hot Wheels Blast Lane Motorcycle Mattel 096 Diecast NOCHONDA NSX nouvelle blu Pearl Top Speed True Scale Miniatures 1:18 ts0062 Model,1/43 RL61 Hurst Pavimento Turno speciale da SMTS,Kyosho Touring Car Part 2 ,Deagostini 1 24 Ff - 2011 Legrandi Ferrari Collection,1/18 SPARK F1 MAX VERSTAPPEN RB13 WINNER MALAYSIAN 2017 GP rosso BULL RACING,1/18 Autoart - Porsche 993 Rwb Nero OPACO / Oro Cerchi ,DINKY TOYS MODEL No.140B ROVER 75 Berlina,ALFA ROMEO GIULIETTA SPRINT rosso 1958 LA MINI MINIERA 71802 1:18,ORIGINALE CORGI COMICS 804 ROBE auto molto Quasi Nuovo in Scatola,Brooklin 1/43 Scale BRK146X - 1933 Stutz DV-32 Victoria Conv 1 oF 175 verde,1/18 SCALE DIECAST ALBERTA CANADA SHERIFF FORD SUV W/WORKING LIGHTS AND SIRENTomica Limited Vintage Neo 1/64 Coca Cola blu Bird Super Silhouette rosso 1982,LS Collectibles 1/18 Scale resin - LS002A Triumph TR6 Open Roadster Racing verde,LookSmart LS476B 1/43 Ferrari 488 Challenge,ENIF 1/43 Mitsubishi Colt Galant GTO MR 1970 arancia ENIF0046 from Japan,FERRARI 599 GTO 2010 giallo rosso Bbr 1:43 BBRC 35c Model,1/43 Looksmart Ferrari FXX-K Rosso Corsa giallo Racing Livery 13 Pelle BaseFERRARI j50 2016 GIALLO TRISTRATO LUCIDO 1:43 - BBRC 208e BBRKyosho Toyota Hiace 2004 Japan Post Car Train,Bruder Scania R-Serie Fire Engine with Water Pump and L and S Module,

“C’era una volta” … La fiaba resta un momento alto della vita, che fa ritrovare attorno a simboli e figure da cui apprendere sapienza per la vita. “La chiave d’oro”, per come è collocata nelle varie edizioni delle raccolte di fiabe

dei fratelli Grimm, vuole dare il senso che hanno le fiabe. Una fiaba con cui si è aperto il corso di formazione per insegnanti promosso insieme dall’Istituto comprensivo “Santa Marta-Ciaceri” e dalla Fondazione di comunità Val di Noto e collocato nell’ambiente bello della Casa don Puglisi, partecipato da 70 insegnanti (ma anche questa volta con altre richieste e nella prima sera con tante altre presenze). Una fiaba, “La chiave d’oro”, che racconta la vita, che deve misurarsi con tanto freddo come accade al protagonista che deve uscire a cercare legna perché c’è freddo e fuori c’è la neve. Una necessità, ha commentato Antonio Sichera (docente di lettere nell’Università di Catania), come le necessità che tutti conosciamo nella vita. Ma dentro questa necessità di apre uno spazio di libertà: il ragazzo decide, in modo un poco illogico, di non tornare a casa e accendere un fuoco. Per questo scava e arriva alla terra, arriva a ciò che sta sotto, a ciò che è essenziale. E trova un piccolo scrigno: l’essenziale è invisibile agli occhi, l’essenziale è nell’ordine della piccolezza, l’essenziale ci fa ritrovare piccoli. Ed ecco che pensa – meglio “crede” – che, laddove c’è uno scrigno, ci sarà un tesoro e cerca la chiave. La trova: una piccola chiave d’oro. Gira “felicemente” e … la fiaba ci lascia con lo stupore di quello che sarà dentro ma che resta non detto. Perché l’importante è aver creduto e aver trovato la propria chiave, l’importante è ritrovare la fede in un tempo di tanta rassegnazione e la propria via in un tempo di tanto appiattimento. “E così, con i bambini, impariamo a ricominciare: loro sono i nostri maestri!” – ha concluso Sichera dopo aver fatto vibrare rigo dopo rigo, partendo dal testo tedesco, la fiaba. Ma come sostenere la crescita dei nostri bambini?

“Spegnendo la tv e raccontando le fiabe” – ha detto Marcella Fragapane, esperta in linguaggi artistici e narrativi, da 12 anni presente a Modica in tanti momenti formativi e nel pensare alle feste della città come momenti di crescita. Ha parlato con il cuore, e molti si sono commossi: “Dobbiamo rallentare, dobbiamo chinarsi ai piedi dei nostri bambini, dobbiamo con loro immedesimarci nelle fiabe e dobbiamo con le fiabe farli crescere nutrendo il cuore, donando l’essenziale e non semplici beni materiali che non danno felicità. Dobbiamo con loro e per loro “esserci”, “occhi negli occhi”. Perché, ancora, le fiabe? Perché tutti i dolori della vita sono più sopportabili se inseriti in una storia, diversamente la vita diventa una sequenza intollerabile di eventi”. E ancora: “Vogliamo adultizzare il bambino mentre noi restiamo infantili, e invece dobbiamo essere adulti e lasciare che il bambino sia se stesso, ci doni la sua meraviglia”. E qui si è inserito, con la sua grande sapienza e autenticità, padre Giovanni Salonia. Che ha focalizzato il suo intervento su quella che è la domanda fondamentale della vita: “Chi siamo noi?”. Sottolineando quanto sia importante l’interrogativo, come siamo ognuno di noi anzitutto una “domanda”. Perdere la domanda significa perdere la creatività. E cosa vuol dire educare? Aprire strade. E aiutare a comprendere, come tra obbedienza del passato e autonomia moderna, la chiave di volta della vita diventa la relazione. Che nella fiaba diventa la ricerca del fuoco, la ricerca del calore, la ricerca delle relazioni. Che diventano possibile se aiutiamo ogni bambino a collocarsi nel mondo dicendo “Io posso”. Che nella fiaba diventa anche capacità di connessione e impegna tutti (compare un noi nel “dobbiamo attendere” finale) all’attesa, a vivere l’esperienza come un viaggio e il viaggio della vita come un cammino pieno di esperienze. E è stata per tutti arricchente l’esperienza di un corso di formazione che, come ha detto fin dall’inizio il dirigente, diventa bello perché nasce dal territorio e raccorda scuola e territorio. “Un corso in cui la prima competenza che si impara è la sapienza e serietà della vita, ritrovandosi nel racconto comunità unita (mentre le sintesi dividono”) – ha ancora detto Salonia, e riscoprendo – ha sottolineato Sichera – “la scuola come spazio di mediazione che ci evita di tutto ridurre a paure che spingono ad affidarsi ad un capo”. Da qui la percezione che, insieme al senso di famiglia e alla comune tensione educativa, momenti come questi rigenerano dal basso la città e il senso vero della politica come ricerca del bene comune, partendo dai piccoli

Ferrari 488 GTE Nero Opaco Ruote Oro BBRC179MB 1/43 LIMITED EDITION 24 PIECES,

Continuano a luglio nella Casa don Puglisi i giovedì vissuti come il momento festivo della Casa. Il mese di è aperto giovedì 7 con la visita della Comunità delle Beatitudini che si trova al santuario
Giovanni Caccamo incontra la casa don Puglisi!

Bugatti Chiron le patrono 2016 marrone CARBON Looksmart 1:43 ls459i Model,

Don Milani: la parola che fa uguali

CORGI 420 FORD THAMES AIRBORNE CARAVAN, EXCELLENT, ORIGINAL, BOXED,

A cinquant’anni dalla morte viene spontaneo ricordare don Milani, e sentirlo vivo! Ancora oggi i nostri giovani lo leggono e rimangono toccati. Ed è bello che, nel dare nome a dei segni concreti di rinnovamento pastorale, per i percorsi che mettono insieme famiglie-parrocchie e scuole per

contrastare l’insuccesso scolastico è venuto di pensare all’Ottavo sacramento che per don Milani è la scuola che eleva, dà parola e dignità.

La brace e la cenere

AUTOart 1:18 Porsche 911 GT3 RS in Lava arancia with Dark grigio Wheels - 78168,

In questo libro si dà voce ad una storia comune, entro cui si colloca anche la Casa don Puglisi: la storia del Concilio Vaticano II recepito nella Chiesa di Noto – per il forte impulso anzitutto di Mons. Salvatore Nicolosi, padre conciliare – e riportato alla vita quotidiana, con una particolare attenzione ai poveri e ai giovani.

Nel nome di Don Pino Puglisi (1997-2017)

Mebetoys A-61 Mini Minor Innocenti with Skis metallic verde late version 1/43 NM,

Dal 21 marzo 1997 la Casa di accoglienza, sorta a Modica nel 1990, è intitolata a don Pino Puglisi. La scelta venne fatta insieme al vescovo Mons. Salvatore Nicolosi, che disse: «Intitoliamo questa Casa del Seminario, che era chiusa ed è stata riaperta e ristrutturata per ospitare donne e bambini in particolari momenti della vita, a don Puglisi: perché così i seminaristi avranno il rimando ad

un modello di prete che ha saputo vivere il suo ministero incarnandosi nella storia e mettendosi dalla parte dei più deboli per fedeltà al Vangelo e tutti avranno un modello di vita cristiana autentica».