1:18 1:18 1:18 1998 Honda Integra DC2 Type-R MUGEN bianca OTTO mobile OT737 0be902

1:18 1:18 1:18 1998 Honda Integra DC2 Type-R MUGEN  bianca OTTO mobile OT737 0be902
+ Tel./Fax 0932 751273 - Aziendale 345 2284337
L’incontro che cura

1968 FORD MUSTANG GT 2+2 blu CLASS OF '68 LTD 1/18 DIECAST BY AUTOWORLD AMM1132,

Un libro consustanziale – ha detto Antonio Sichera, docente di letteratura italiana nell’Università di Catania, presentando il libro di fra Gaetano La Speme “L’incontro che cura. Gesù, noi, gli ultimi”, delle edizioni Il Pozzo di

‘La chiave d’oro. Una fiaba per bambini e per adulti’. Il video integrale

1:43 Minichamps Fiat x1/9, 1974, BLU METALLIZZATO,

1:18 1:18 1:18 1998 Honda Integra DC2 Type-R MUGEN bianca OTTO mobile OT737 0be902

Minichamps 437148230 Cadillac Le Mans dream car - 1953 scala: 1:43,Norev 1/43 - Citroen C4 2004 Coupé RossoBOS 1/43 SCALA Nash Rambler PALM BEACH COUPE da Pininfarina Auto modello in resinaCORGI TOYS * Ecurie LAND ROVER * code 3 * 1:43,Moto HUSQVARNA CROSS 250 T. Hallman replica 1/12 MX250MODERN TOYS JAPAN SPACE SHIP U.S.A.F GEMINI X-5 L24.0cm BATTERY- GOOD CONDITION,TSM Model 1:43 2016 McLaren 675LT Spider, Mantis verde,Matrix MX016 SALEEN N.4 GT FFSA 2009 1:43 Modellino,PEUGEOT 207, Nero, Norev, 1:18,FERRARI 126 C2 GP STATI UNITI OVEST 1982 TAMEO KITS IN METALLO 1/43Tomica Prius & Spacio set limited original color Japan NEW,LESNEY MATCHBOX - NO= 74 TOE JOE - EXTREMELY RARE COLOR giallo - NEAR MINT,Hot Wheels 2009 Treasure Hunt '57 Plymouth Fury 2/12 No Stripe Variation - RARE,MB Camion dei Rifiuti Schörling 4r Conrad modelli con 3079w,Lorean DMC 12 Railroad Regreso en el Futuro Pieza 3 1:18 SUNSTAR,Fast Lane Toys R Us Mega Crane w/Batteries Brand Nuovo - Crane Only,MATCHBOX DIECAST LOT 16 TRAILER 3 MIXER HORSE TRAILER 17OTTO MOBILE - 1/18 - BMW M3 E30 - OT695,DINKY TOYS MODEL No.254 AUSTIN FX3 Taxi,ASTON MARTIN LAGONDA 1983 rosso WESTERN MODEL 1:43 HANDCRAFTED UK,Lledo MODELLINO PROMOZIONALE no. LP 58 Morris Z Van Eddie Stobart LTD ED. Nuovo di zecca con scatola,1951 JAGUAR 20 LE MANS - 1/43 MINIMRQUE43 - K&R REPLICAS - SMTS HANDMADE1:87 Herpa Gartner MAN TGX euro 6 CAMION Transporter Nuovo in scatola originale per Rimodellamento autocostruzione,Provence Moulage Aston Martin DB4 Cabriolet K 443Minichamps 1/43 - Mercedes 300 SEL 6.8 AMG 24H CENTRO BENESSERE 1971 N.35,MINICHAMPS LORRAINE-DIETRICH TYPE B3-6 SPORTS ROADSTER 437119260,VINTAGE ERTL PRESSED STEEL SHOPRITE SUPERMARKETS INTERNATIONAL TRACTOR TRAILER,CHEVROLET CAMARO COUPE 1987 Beverly Hills Cop II verdelight 1:18 verde 13501 mode,Vintage 1936 Ford V8 Mini Marque DieCast Car Coupe Gilla /43 1:43 Scale,DINKY TOYS MODEL No.277 POLICE Land Rover VN Nuovo di zecca con scatola,

“C’era una volta” … La fiaba resta un momento alto della vita, che fa ritrovare attorno a simboli e figure da cui apprendere sapienza per la vita. “La chiave d’oro”, per come è collocata nelle varie edizioni delle raccolte di fiabe

dei fratelli Grimm, vuole dare il senso che hanno le fiabe. Una fiaba con cui si è aperto il corso di formazione per insegnanti promosso insieme dall’Istituto comprensivo “Santa Marta-Ciaceri” e dalla Fondazione di comunità Val di Noto e collocato nell’ambiente bello della Casa don Puglisi, partecipato da 70 insegnanti (ma anche questa volta con altre richieste e nella prima sera con tante altre presenze). Una fiaba, “La chiave d’oro”, che racconta la vita, che deve misurarsi con tanto freddo come accade al protagonista che deve uscire a cercare legna perché c’è freddo e fuori c’è la neve. Una necessità, ha commentato Antonio Sichera (docente di lettere nell’Università di Catania), come le necessità che tutti conosciamo nella vita. Ma dentro questa necessità di apre uno spazio di libertà: il ragazzo decide, in modo un poco illogico, di non tornare a casa e accendere un fuoco. Per questo scava e arriva alla terra, arriva a ciò che sta sotto, a ciò che è essenziale. E trova un piccolo scrigno: l’essenziale è invisibile agli occhi, l’essenziale è nell’ordine della piccolezza, l’essenziale ci fa ritrovare piccoli. Ed ecco che pensa – meglio “crede” – che, laddove c’è uno scrigno, ci sarà un tesoro e cerca la chiave. La trova: una piccola chiave d’oro. Gira “felicemente” e … la fiaba ci lascia con lo stupore di quello che sarà dentro ma che resta non detto. Perché l’importante è aver creduto e aver trovato la propria chiave, l’importante è ritrovare la fede in un tempo di tanta rassegnazione e la propria via in un tempo di tanto appiattimento. “E così, con i bambini, impariamo a ricominciare: loro sono i nostri maestri!” – ha concluso Sichera dopo aver fatto vibrare rigo dopo rigo, partendo dal testo tedesco, la fiaba. Ma come sostenere la crescita dei nostri bambini?

“Spegnendo la tv e raccontando le fiabe” – ha detto Marcella Fragapane, esperta in linguaggi artistici e narrativi, da 12 anni presente a Modica in tanti momenti formativi e nel pensare alle feste della città come momenti di crescita. Ha parlato con il cuore, e molti si sono commossi: “Dobbiamo rallentare, dobbiamo chinarsi ai piedi dei nostri bambini, dobbiamo con loro immedesimarci nelle fiabe e dobbiamo con le fiabe farli crescere nutrendo il cuore, donando l’essenziale e non semplici beni materiali che non danno felicità. Dobbiamo con loro e per loro “esserci”, “occhi negli occhi”. Perché, ancora, le fiabe? Perché tutti i dolori della vita sono più sopportabili se inseriti in una storia, diversamente la vita diventa una sequenza intollerabile di eventi”. E ancora: “Vogliamo adultizzare il bambino mentre noi restiamo infantili, e invece dobbiamo essere adulti e lasciare che il bambino sia se stesso, ci doni la sua meraviglia”. E qui si è inserito, con la sua grande sapienza e autenticità, padre Giovanni Salonia. Che ha focalizzato il suo intervento su quella che è la domanda fondamentale della vita: “Chi siamo noi?”. Sottolineando quanto sia importante l’interrogativo, come siamo ognuno di noi anzitutto una “domanda”. Perdere la domanda significa perdere la creatività. E cosa vuol dire educare? Aprire strade. E aiutare a comprendere, come tra obbedienza del passato e autonomia moderna, la chiave di volta della vita diventa la relazione. Che nella fiaba diventa la ricerca del fuoco, la ricerca del calore, la ricerca delle relazioni. Che diventano possibile se aiutiamo ogni bambino a collocarsi nel mondo dicendo “Io posso”. Che nella fiaba diventa anche capacità di connessione e impegna tutti (compare un noi nel “dobbiamo attendere” finale) all’attesa, a vivere l’esperienza come un viaggio e il viaggio della vita come un cammino pieno di esperienze. E è stata per tutti arricchente l’esperienza di un corso di formazione che, come ha detto fin dall’inizio il dirigente, diventa bello perché nasce dal territorio e raccorda scuola e territorio. “Un corso in cui la prima competenza che si impara è la sapienza e serietà della vita, ritrovandosi nel racconto comunità unita (mentre le sintesi dividono”) – ha ancora detto Salonia, e riscoprendo – ha sottolineato Sichera – “la scuola come spazio di mediazione che ci evita di tutto ridurre a paure che spingono ad affidarsi ad un capo”. Da qui la percezione che, insieme al senso di famiglia e alla comune tensione educativa, momenti come questi rigenerano dal basso la città e il senso vero della politica come ricerca del bene comune, partendo dai piccoli

MERCEDES 20-35 PS Berlin Taxi 1911 1:43 MODEL rio4474 Rio,

Continuano a luglio nella Casa don Puglisi i giovedì vissuti come il momento festivo della Casa. Il mese di è aperto giovedì 7 con la visita della Comunità delle Beatitudini che si trova al santuario
Giovanni Caccamo incontra la casa don Puglisi!

MATCHBOX regular WHEELS n. 55 B FORD FAIRLANE POLICE LIGHT blu BPW LESNEY 325,

Don Milani: la parola che fa uguali

Minichamps 1/18 - F1 Mclaren Mercedes MP4-17 Raikkonen,

A cinquant’anni dalla morte viene spontaneo ricordare don Milani, e sentirlo vivo! Ancora oggi i nostri giovani lo leggono e rimangono toccati. Ed è bello che, nel dare nome a dei segni concreti di rinnovamento pastorale, per i percorsi che mettono insieme famiglie-parrocchie e scuole per

contrastare l’insuccesso scolastico è venuto di pensare all’Ottavo sacramento che per don Milani è la scuola che eleva, dà parola e dignità.

La brace e la cenere

NEO CHEVROLET CORVETTE Corvair Concept 1954 Light blu 1:43 47160,

In questo libro si dà voce ad una storia comune, entro cui si colloca anche la Casa don Puglisi: la storia del Concilio Vaticano II recepito nella Chiesa di Noto – per il forte impulso anzitutto di Mons. Salvatore Nicolosi, padre conciliare – e riportato alla vita quotidiana, con una particolare attenzione ai poveri e ai giovani.

Nel nome di Don Pino Puglisi (1997-2017)

Venturi 300 Atlantique. 1/18. Otto mobile. In Original Box. Number 10/1500 1:18,

Dal 21 marzo 1997 la Casa di accoglienza, sorta a Modica nel 1990, è intitolata a don Pino Puglisi. La scelta venne fatta insieme al vescovo Mons. Salvatore Nicolosi, che disse: «Intitoliamo questa Casa del Seminario, che era chiusa ed è stata riaperta e ristrutturata per ospitare donne e bambini in particolari momenti della vita, a don Puglisi: perché così i seminaristi avranno il rimando ad

un modello di prete che ha saputo vivere il suo ministero incarnandosi nella storia e mettendosi dalla parte dei più deboli per fedeltà al Vangelo e tutti avranno un modello di vita cristiana autentica».