LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665

LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665
+ Tel./Fax 0932 751273 - Aziendale 345 2284337
L’incontro che cura

Orca RT 6.0t MOTORE SENSOrosso orcomt 060rt,

Un libro consustanziale – ha detto Antonio Sichera, docente di letteratura italiana nell’Università di Catania, presentando il libro di fra Gaetano La Speme “L’incontro che cura. Gesù, noi, gli ultimi”, delle edizioni Il Pozzo di

‘La chiave d’oro. Una fiaba per bambini e per adulti’. Il video integrale

Happymodel Mobula7 Crazybee F3 Pro BNF 75mm OSD 2S Whoop FPV Racing Drone Quad,

LDARC TINY GT7 GT7 GT7 75mm / GT8 87.6mm Betaflight F3 10A FPV RC Racing Drone 25mW VTX 666665

FUTABA 3PV 3-Channel 2.4GHz FHSS/S-FHSS Radio System w/ R203GF Receiver FUTK3201Graupner Rc senza Spazzole Control + T 70 XT-60 D3,5 33770.D35,Baja rear wing carbon matier spoilerRemote Control Car, Abeyc Large Size 1:12 Scale High Speed 48km/h 4WD 2.4Ghz Ter,Quadcopter Drone JJRC X1 Brushless motor 2.4G 6 Axis 4Ch RC Quadcopter RTF,XTM Racing 2 Velocità Conversione Kit-XT2/XST Z-XTM149825,03302B Motore Elettrico HIMOTO BRUSHLESS Sensorosso 6,5T/ELECTRIC MOTOR HIMOTO BRU,STM ala set con 2 SERVOSTERZO - ACROBAT / Z- STM 170E,FLiFLi AirDrop Release and Drop Device for DJI Phantom 3 Professional/Advance ,Quad-Copter SYMA X8 PRO 2.4G WiFi GPS DRONE RITORNA,SNW107A41117A - Sanwa 4-channel RX-472 Telemetry Receiver,TAMIYA 58640 MAZDA 2 DEMIO KIT RC Auto Kit senza ESC ,Futaba S9254 High Speed Ball Bearing Nylon Gear Digital Standard Servo,Nuovo Axial EXO RTR Score 2900kV Brushless Motor AX24010 RR10 Bomber,Marston-domsel MD-PRIMER n. 7 flacone M. SOFFIONE 25x 15ml /10ml ,Mpx TwinStar costruzione modulare multiplex 214279Carrera Quadrocopter HD NEXT - 370503019,PEZZI di ricambio lente della fotocamera con motore brushless Sostituzione Riparazione per RC DJI Mavic Pro Accessorio,3X JJRC H42WH WIFI FPV Controllo Vocale mantenimento di altitudine Farfalla-come RC FPV Dr C7K8,RJS2031 RJ Speed 1/10 Speedway Sprinter KitMylipo hvq30-4100-6 HV-LiPo 4100mah 22,2v 6s 30c/60c,Proline Chassis 4X4 PRO MT/Paraurti/anteriore e posteriore in & Hardware Nuovo,RJS2004 RJ Speed Pro Mod Drag Kit,Yacht TRIUMPH 800. RTR. RC Modello Racing BARCA A VELASb054/055 GPM alluminio superiore e inferiore braccio di controllo per LOSI SUPER Baja Rey,AOSENMA CG033 Foldable RC Drone Qudcopter GSP 1306 Brushless Motors 20min Flight,Skyrc T6200 Lipo Charger 100072Hitec RCD - HSB-9485SH High Torque, Brushless, Steel Gear Servo,IMX10526 IMEX 10A 150W POWER STATION CHARGERSPEKTRUM DX5C 5-Channel DSMR AVC Transmitter with SRS6000 SPM5110

“C’era una volta” … La fiaba resta un momento alto della vita, che fa ritrovare attorno a simboli e figure da cui apprendere sapienza per la vita. “La chiave d’oro”, per come è collocata nelle varie edizioni delle raccolte di fiabe

dei fratelli Grimm, vuole dare il senso che hanno le fiabe. Una fiaba con cui si è aperto il corso di formazione per insegnanti promosso insieme dall’Istituto comprensivo “Santa Marta-Ciaceri” e dalla Fondazione di comunità Val di Noto e collocato nell’ambiente bello della Casa don Puglisi, partecipato da 70 insegnanti (ma anche questa volta con altre richieste e nella prima sera con tante altre presenze). Una fiaba, “La chiave d’oro”, che racconta la vita, che deve misurarsi con tanto freddo come accade al protagonista che deve uscire a cercare legna perché c’è freddo e fuori c’è la neve. Una necessità, ha commentato Antonio Sichera (docente di lettere nell’Università di Catania), come le necessità che tutti conosciamo nella vita. Ma dentro questa necessità di apre uno spazio di libertà: il ragazzo decide, in modo un poco illogico, di non tornare a casa e accendere un fuoco. Per questo scava e arriva alla terra, arriva a ciò che sta sotto, a ciò che è essenziale. E trova un piccolo scrigno: l’essenziale è invisibile agli occhi, l’essenziale è nell’ordine della piccolezza, l’essenziale ci fa ritrovare piccoli. Ed ecco che pensa – meglio “crede” – che, laddove c’è uno scrigno, ci sarà un tesoro e cerca la chiave. La trova: una piccola chiave d’oro. Gira “felicemente” e … la fiaba ci lascia con lo stupore di quello che sarà dentro ma che resta non detto. Perché l’importante è aver creduto e aver trovato la propria chiave, l’importante è ritrovare la fede in un tempo di tanta rassegnazione e la propria via in un tempo di tanto appiattimento. “E così, con i bambini, impariamo a ricominciare: loro sono i nostri maestri!” – ha concluso Sichera dopo aver fatto vibrare rigo dopo rigo, partendo dal testo tedesco, la fiaba. Ma come sostenere la crescita dei nostri bambini?

“Spegnendo la tv e raccontando le fiabe” – ha detto Marcella Fragapane, esperta in linguaggi artistici e narrativi, da 12 anni presente a Modica in tanti momenti formativi e nel pensare alle feste della città come momenti di crescita. Ha parlato con il cuore, e molti si sono commossi: “Dobbiamo rallentare, dobbiamo chinarsi ai piedi dei nostri bambini, dobbiamo con loro immedesimarci nelle fiabe e dobbiamo con le fiabe farli crescere nutrendo il cuore, donando l’essenziale e non semplici beni materiali che non danno felicità. Dobbiamo con loro e per loro “esserci”, “occhi negli occhi”. Perché, ancora, le fiabe? Perché tutti i dolori della vita sono più sopportabili se inseriti in una storia, diversamente la vita diventa una sequenza intollerabile di eventi”. E ancora: “Vogliamo adultizzare il bambino mentre noi restiamo infantili, e invece dobbiamo essere adulti e lasciare che il bambino sia se stesso, ci doni la sua meraviglia”. E qui si è inserito, con la sua grande sapienza e autenticità, padre Giovanni Salonia. Che ha focalizzato il suo intervento su quella che è la domanda fondamentale della vita: “Chi siamo noi?”. Sottolineando quanto sia importante l’interrogativo, come siamo ognuno di noi anzitutto una “domanda”. Perdere la domanda significa perdere la creatività. E cosa vuol dire educare? Aprire strade. E aiutare a comprendere, come tra obbedienza del passato e autonomia moderna, la chiave di volta della vita diventa la relazione. Che nella fiaba diventa la ricerca del fuoco, la ricerca del calore, la ricerca delle relazioni. Che diventano possibile se aiutiamo ogni bambino a collocarsi nel mondo dicendo “Io posso”. Che nella fiaba diventa anche capacità di connessione e impegna tutti (compare un noi nel “dobbiamo attendere” finale) all’attesa, a vivere l’esperienza come un viaggio e il viaggio della vita come un cammino pieno di esperienze. E è stata per tutti arricchente l’esperienza di un corso di formazione che, come ha detto fin dall’inizio il dirigente, diventa bello perché nasce dal territorio e raccorda scuola e territorio. “Un corso in cui la prima competenza che si impara è la sapienza e serietà della vita, ritrovandosi nel racconto comunità unita (mentre le sintesi dividono”) – ha ancora detto Salonia, e riscoprendo – ha sottolineato Sichera – “la scuola come spazio di mediazione che ci evita di tutto ridurre a paure che spingono ad affidarsi ad un capo”. Da qui la percezione che, insieme al senso di famiglia e alla comune tensione educativa, momenti come questi rigenerano dal basso la città e il senso vero della politica come ricerca del bene comune, partendo dai piccoli

Sanwa MX-6 2.4GHz FH-E 3-Channel Tx Radio System RX-391W Receiver x 2 MX-6 2.4G,

Continuano a luglio nella Casa don Puglisi i giovedì vissuti come il momento festivo della Casa. Il mese di è aperto giovedì 7 con la visita della Comunità delle Beatitudini che si trova al santuario
Giovanni Caccamo incontra la casa don Puglisi!

VINTAGE , CAPITOL MODEL AIRCRAFT CO.., 30 INCH SPAN U/C PIPER SKYCYCLE KIT, NIB,

Don Milani: la parola che fa uguali

8 AWG Gauge Silicone Wire - Fine Strand Tinned Copper - 100 ft. rosso,

A cinquant’anni dalla morte viene spontaneo ricordare don Milani, e sentirlo vivo! Ancora oggi i nostri giovani lo leggono e rimangono toccati. Ed è bello che, nel dare nome a dei segni concreti di rinnovamento pastorale, per i percorsi che mettono insieme famiglie-parrocchie e scuole per

contrastare l’insuccesso scolastico è venuto di pensare all’Ottavo sacramento che per don Milani è la scuola che eleva, dà parola e dignità.

La brace e la cenere

ABC Hobby Gambado 1:10 FF HONDA CR-Z Mugen RZ Grid M-Chassis RC Cars Kit 25613,

In questo libro si dà voce ad una storia comune, entro cui si colloca anche la Casa don Puglisi: la storia del Concilio Vaticano II recepito nella Chiesa di Noto – per il forte impulso anzitutto di Mons. Salvatore Nicolosi, padre conciliare – e riportato alla vita quotidiana, con una particolare attenzione ai poveri e ai giovani.

Nel nome di Don Pino Puglisi (1997-2017)

AQUACRAFT motoscafo MINI-Rio ARANCIONE RTR aqub 45nn Chow Elektro BARCA,

Dal 21 marzo 1997 la Casa di accoglienza, sorta a Modica nel 1990, è intitolata a don Pino Puglisi. La scelta venne fatta insieme al vescovo Mons. Salvatore Nicolosi, che disse: «Intitoliamo questa Casa del Seminario, che era chiusa ed è stata riaperta e ristrutturata per ospitare donne e bambini in particolari momenti della vita, a don Puglisi: perché così i seminaristi avranno il rimando ad

un modello di prete che ha saputo vivere il suo ministero incarnandosi nella storia e mettendosi dalla parte dei più deboli per fedeltà al Vangelo e tutti avranno un modello di vita cristiana autentica».