3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f

  3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f  3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f  3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f  3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f  3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f  3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f
+ Tel./Fax 0932 751273 - Aziendale 345 2284337
L’incontro che cura

WOODLAND SCENICS HO SCALE DRIVE N' DINE | BN | 5029,

Un libro consustanziale – ha detto Antonio Sichera, docente di letteratura italiana nell’Università di Catania, presentando il libro di fra Gaetano La Speme “L’incontro che cura. Gesù, noi, gli ultimi”, delle edizioni Il Pozzo di

‘La chiave d’oro. Una fiaba per bambini e per adulti’. Il video integrale

h0 LOCOMOTIVA CON TENDER F 800 BR 01 097 delle DB w6161,

3 grembiuli auto della DB VERDE, da da da startset 29741 con Giunto corto NUOVO SENZA 0e554f

Viessmann 5100 ferrovia barriera pieno automaticamente elettronicamente h0 NUOVO,Atlas HO RS-3 Diesel Canadian National No. 8152 7847 NIB,ROCO 74514 vagoni viaggiatori 2.kl. SJ h0,Bd786-0, 5 118x h0 1:87 personaggi operai + viaggiatori + popolazione rurale, Preiser etcROCO - 47600-DB Cargo-due gueterwagen-EP. V-WS-NUOVOROCO 44029, Wagenset rimodellamento carrello/vagoni 4-tlg, Nuovo/mattoncini in scatola originale,Lot 12-25 * HO Scale Walthers 920-14303 * 85' Budd 68 Seat Step Down Amtrak I Lt,PIKO H0 55209-s BINARI DRITTI G940 Binario flessibile lunghezza 940 mm 12, h0 3738 BR. 12x AEG nel DB-INSERTO 128 001-5, digitale, ott., 72706 Kit di Costruzione Raiffeisen Magazzino con Supermercato ,FLEISCHMANN 5797 Vagone treno espresso 1 2. kl.dr ep. 3 ab4ümpe NUOVO in OVP,UVPROCO PLAYTIME - 59461-DB-BR 218 197-2 - DIGITALE-WS-NUOVO,P2K PROTO 2000 HO 23468 ALCO FA1 A&B DIESEL LOCO SET- READING 300A & 300B,BU638-1 H0/Ac E-Lok Aeroporto Express Dal Set 2857 Db Kk ,Molto Buono, Modello Speciale vigili del fuoco montagne gru-Set 3 pezzi 11 FX Sound Top Ovp 44752,Vitrains 3145 MDVC livrea TRENORD carrozza semipilota p,Herpa 745857 Model Military Vehicle Building Kit Repair Hall Large 2 Designs , H0 Assortimento binari e scambi anteguerra serie 3600/800 A, D e W,Walthers Cornerstone American Hardware Supply Building HO 933-3097,Schellenberg 50784 Protezione da Insetti/Zanzariera a Finestra Plus, Bianco, ,HO BACHMANN 0-4-0 PENNSY STEAM LOCO W/TENDER & 2 PASS CAR & CABOOSE RR365Rotten autovetture VM 170 S delle FS, Matisa, Italia, Epoca V, Liliput HO, 238106,ur,HO ROCO 66198 3.tlg kühlwagenset DB ep NUOVO E CONFEZIONE ORIGINALE,Kato 1-535 Ho Passenger Car Ohanefu 25-100,BACHMANN HO SCALE ALCO RS-3 DIESEL LOCOMOTIVE BOSTON & MAINE 1545 DCC ON BOARD, h0 3131 DIESEL BR 361 digitale con telex in OVP + istruzioni, H0 4508 Wagen-Set Technisches Hilfswerk Faller 130989 Spur h0 moderna POMPIERI,Fleischmann 5684 K,H0 4-achsiger Vagone Borsaagli Pw4 Db Ep.3 Scatola,H0 locomotiva BR 38 3553 DRG 3099 Top Ovp

“C’era una volta” … La fiaba resta un momento alto della vita, che fa ritrovare attorno a simboli e figure da cui apprendere sapienza per la vita. “La chiave d’oro”, per come è collocata nelle varie edizioni delle raccolte di fiabe

dei fratelli Grimm, vuole dare il senso che hanno le fiabe. Una fiaba con cui si è aperto il corso di formazione per insegnanti promosso insieme dall’Istituto comprensivo “Santa Marta-Ciaceri” e dalla Fondazione di comunità Val di Noto e collocato nell’ambiente bello della Casa don Puglisi, partecipato da 70 insegnanti (ma anche questa volta con altre richieste e nella prima sera con tante altre presenze). Una fiaba, “La chiave d’oro”, che racconta la vita, che deve misurarsi con tanto freddo come accade al protagonista che deve uscire a cercare legna perché c’è freddo e fuori c’è la neve. Una necessità, ha commentato Antonio Sichera (docente di lettere nell’Università di Catania), come le necessità che tutti conosciamo nella vita. Ma dentro questa necessità di apre uno spazio di libertà: il ragazzo decide, in modo un poco illogico, di non tornare a casa e accendere un fuoco. Per questo scava e arriva alla terra, arriva a ciò che sta sotto, a ciò che è essenziale. E trova un piccolo scrigno: l’essenziale è invisibile agli occhi, l’essenziale è nell’ordine della piccolezza, l’essenziale ci fa ritrovare piccoli. Ed ecco che pensa – meglio “crede” – che, laddove c’è uno scrigno, ci sarà un tesoro e cerca la chiave. La trova: una piccola chiave d’oro. Gira “felicemente” e … la fiaba ci lascia con lo stupore di quello che sarà dentro ma che resta non detto. Perché l’importante è aver creduto e aver trovato la propria chiave, l’importante è ritrovare la fede in un tempo di tanta rassegnazione e la propria via in un tempo di tanto appiattimento. “E così, con i bambini, impariamo a ricominciare: loro sono i nostri maestri!” – ha concluso Sichera dopo aver fatto vibrare rigo dopo rigo, partendo dal testo tedesco, la fiaba. Ma come sostenere la crescita dei nostri bambini?

“Spegnendo la tv e raccontando le fiabe” – ha detto Marcella Fragapane, esperta in linguaggi artistici e narrativi, da 12 anni presente a Modica in tanti momenti formativi e nel pensare alle feste della città come momenti di crescita. Ha parlato con il cuore, e molti si sono commossi: “Dobbiamo rallentare, dobbiamo chinarsi ai piedi dei nostri bambini, dobbiamo con loro immedesimarci nelle fiabe e dobbiamo con le fiabe farli crescere nutrendo il cuore, donando l’essenziale e non semplici beni materiali che non danno felicità. Dobbiamo con loro e per loro “esserci”, “occhi negli occhi”. Perché, ancora, le fiabe? Perché tutti i dolori della vita sono più sopportabili se inseriti in una storia, diversamente la vita diventa una sequenza intollerabile di eventi”. E ancora: “Vogliamo adultizzare il bambino mentre noi restiamo infantili, e invece dobbiamo essere adulti e lasciare che il bambino sia se stesso, ci doni la sua meraviglia”. E qui si è inserito, con la sua grande sapienza e autenticità, padre Giovanni Salonia. Che ha focalizzato il suo intervento su quella che è la domanda fondamentale della vita: “Chi siamo noi?”. Sottolineando quanto sia importante l’interrogativo, come siamo ognuno di noi anzitutto una “domanda”. Perdere la domanda significa perdere la creatività. E cosa vuol dire educare? Aprire strade. E aiutare a comprendere, come tra obbedienza del passato e autonomia moderna, la chiave di volta della vita diventa la relazione. Che nella fiaba diventa la ricerca del fuoco, la ricerca del calore, la ricerca delle relazioni. Che diventano possibile se aiutiamo ogni bambino a collocarsi nel mondo dicendo “Io posso”. Che nella fiaba diventa anche capacità di connessione e impegna tutti (compare un noi nel “dobbiamo attendere” finale) all’attesa, a vivere l’esperienza come un viaggio e il viaggio della vita come un cammino pieno di esperienze. E è stata per tutti arricchente l’esperienza di un corso di formazione che, come ha detto fin dall’inizio il dirigente, diventa bello perché nasce dal territorio e raccorda scuola e territorio. “Un corso in cui la prima competenza che si impara è la sapienza e serietà della vita, ritrovandosi nel racconto comunità unita (mentre le sintesi dividono”) – ha ancora detto Salonia, e riscoprendo – ha sottolineato Sichera – “la scuola come spazio di mediazione che ci evita di tutto ridurre a paure che spingono ad affidarsi ad un capo”. Da qui la percezione che, insieme al senso di famiglia e alla comune tensione educativa, momenti come questi rigenerano dal basso la città e il senso vero della politica come ricerca del bene comune, partendo dai piccoli

H0 Piko binario grande, morbidi la raccolta 95 pezzi 0098,

Continuano a luglio nella Casa don Puglisi i giovedì vissuti come il momento festivo della Casa. Il mese di è aperto giovedì 7 con la visita della Comunità delle Beatitudini che si trova al santuario
Giovanni Caccamo incontra la casa don Puglisi!

ROCO 04116a locomotiva BR 57 ex. Preuß. g10 in scatola originale,

Don Milani: la parola che fa uguali

Viessmann h0 4511 forma-oltrepassava disco + ala movibile,

A cinquant’anni dalla morte viene spontaneo ricordare don Milani, e sentirlo vivo! Ancora oggi i nostri giovani lo leggono e rimangono toccati. Ed è bello che, nel dare nome a dei segni concreti di rinnovamento pastorale, per i percorsi che mettono insieme famiglie-parrocchie e scuole per

contrastare l’insuccesso scolastico è venuto di pensare all’Ottavo sacramento che per don Milani è la scuola che eleva, dà parola e dignità.

La brace e la cenere

PIKO Sound Module for V200 HO Gauge 56322,

In questo libro si dà voce ad una storia comune, entro cui si colloca anche la Casa don Puglisi: la storia del Concilio Vaticano II recepito nella Chiesa di Noto – per il forte impulso anzitutto di Mons. Salvatore Nicolosi, padre conciliare – e riportato alla vita quotidiana, con una particolare attenzione ai poveri e ai giovani.

Nel nome di Don Pino Puglisi (1997-2017)

H0 Piko binario grande, morbidi la raccolta 96 pezzi 0169,

Dal 21 marzo 1997 la Casa di accoglienza, sorta a Modica nel 1990, è intitolata a don Pino Puglisi. La scelta venne fatta insieme al vescovo Mons. Salvatore Nicolosi, che disse: «Intitoliamo questa Casa del Seminario, che era chiusa ed è stata riaperta e ristrutturata per ospitare donne e bambini in particolari momenti della vita, a don Puglisi: perché così i seminaristi avranno il rimando ad

un modello di prete che ha saputo vivere il suo ministero incarnandosi nella storia e mettendosi dalla parte dei più deboli per fedeltà al Vangelo e tutti avranno un modello di vita cristiana autentica».